CANOSA – FOGGIA INCEDIT 2 – 0

CANOSA : Crisantemo, Valentino, Davide Di Molfetta (10′ st Angarano), Abbruzzese, Landolfi, Manasterliu, Francesco Loconte, Lops, Caputo (46′ st Sbergo), Di Giovinazzo (1′ st Forenza), Ferorelli. All. Gigi Trallo.

FOGGIA INCEDIT : D’Elia, Izzo, Lovasto (15′ st Capotosto), Morelli, Ritoli, Guerra, Camillo, Liquadri, Prencipe, Tucci. All. Enrico Lasalandra.

RETI : 35′ pt. autorete di Izzo, 45′ st Caputo.

ARBITRO : Saverio Lavenuta di Bari.

Terza vittoria di fila del nuovo Canosa targato Gigi Trallo. 2 a 0 su un coriaceo Foggia Incedit per nulla intimorito, di fronte ad un blasonato Canosa. La neo promossa foggiana del presidente Vito Oronzo Orlando veniva nella città di Boemondo dopo due sconfitte per 2 a 0 prima con il Borgorosso Molfetta e poi con il Real Sannicandro. Trallo aveva capito già in settimana che non sarebbe stata una passeggiata ed ha mantenuto alta la concentrazione dei suoi per non avere sorprese in partita. Così è stato, proponendo alcune novità di formazione. Infatti ha schierato dal primo minuto Davide Valentino, l’anno scorso all’ASD Canusium in terza categoria, con Davide Di Molfetta sulla corsia di sinistra. Al centro della difesa ha lasciato lavorare il solito Abbruzzese e Manasterliu,con Landolfi a costruire le azione davanti alla difesa. Esordio in casa per Francesco Loconte che sin dai primi minuti ha cercato di impensierire la difesa avversaria. Canosa padrona del campo con un possesso palla quasi totalmente suo e con una squadra foggiana che non riusciva ad oltrepassare la metà campo. Si erge a protagonista il portiere dauno D’Elia bravo in diverse occasioni su Di Giovinazzo ed il solito Ferorelli. Il più pericoloso degli ospiti risulta l’ex Apricena di promozione Camillo che dalla distanza sporca i guantoni di Crisantemo. Su un calcio d’angolo Di Giovinazzo serve bene un libero Abbruzzese che ha il tempo di colpire di testa ma di non inquadrare lo specchio della porta. Lo 0 a 0 si sblocca per un infortunio del terzino foggiano Izzo che preoccupato della presenza di Abruzzese nel tentativo di pulire l’area di rigore manda la sfera lentamente nella propria porta. E’ un 1 a 0 meritatissimo per il Canosa anche se scaturito da una autorete. La ripresa inizia con lo stesso copione del primo, Canosa all’attacco che cerca il raddoppio per mettere il risultato in cassaforte. Ci prova in tutte le maniere grazie sopratutto al cambio apportato da Trallo all’inizio della ripresa. Sostituisce Di Giovinazzo con Forenza, con compiti di sfondare sulla sinistra per allargare la solida difesa ospite. Si scatena Ferorelli che in un paio di occasioni sfiora il gol, sopratutto in una intorno alla mezz’ora quando con una rovesciata alla Cristiano Ronaldo sfiora il palo alla sinistra di D’Elia. Sarebbe stata apoteosi se la sfera avesse superato la linea di porta. Trallo cambia Di Molfetta con Angarano e nel finale Caputo con Sbergo, non prima però di aver visto il gran gol di Caputo che servito da uno splendido Ferorelli al volo deposita la palla in rete. Si sblocca anche il figlio dell’ex bomber del Canosa Ciccio Caputo. L’anno numero 70 del prestigioso sodalizio rossoblù è l’anno degli ex a cominciare dalla coppia in panchina Luisi Trallo, due ex capitani del glorioso Canosa e per finire a Leo Caputo, figlio dell’ex grande attaccante canosino. 9 punti il rispettabile score del Canosa prima della trasferta di Sannicandro.

Pino Grisorio

Annunci